Una notte a Ibiza minuto per minuto: reportage dai nuovi locali e dai sempreverdi della nightlife piu’ trasgressiva del mediterraneo.

Ibiza si conferma l’isola del divertimento notte e giorno: non solo discoteche, ma nuovi locali di tendenza in riva al mare per l’aperitivo e il predisco.

Il Bora Bora sulla spiaggia di D’en Bossa è sempre una sicurezza con la musica a palla dalle 18 nella sala interna e la rete alta che divide gli “eletti” all’interno dal resto dei bagnanti. A qualche chilometro sulla stessa playa la novità dell’anno, l’elegante Ushuaia gestito dallo staff del Pacha: buffet di carne argentina e spettacolo con i “domatori” di fuoco per l’inaugurazione. Arredamento moderno e personale scelto con cura, bello e competente: apprezzata soprattutto dalle donne la nuova figura dell’accompagnatore al parcheggio, un bel brasiliano munito di lumino per fare luce sulla strada.

UshuaiaIMG_7352ElephantIMG_9105

Un’altra costante della Eivissa glamour è il Blue Marlin dove si può incrociare nel privè qualche vip come la cantante Skin dei Skunk Anansis. Per cena abbiamo provato l’ottima cucina e il servizio dell’Elephant cafè gestito da un direttore veneziano. In consolle Carlo Del Mar, autore della gettonatissima compilation Cafè Del Mar e il collega Michael Flower, guest del The essence of Luxury tour 2009.

Al porto c’è sempre l’imbarazzo della scelta per i locali notturni: uno dietro l’altro con i pr delle discoteche pronti a venderti i biglietti con lo sconto e a offrirti i chupitos. Allo Zoo giro di mojito gentilmente offerto a un gruppo di belle ragazze da Daniele Battaglia con il direttore marketing di Radio Italia Tony Vandoni.

SomniIMG_9304SomniIMG_9416SomniIMG_9322

Vicino al molo un locale che fa dell’animazione e dell’offerta musicale il suo punto di forza: il Somni. Nude look per le soldatesse in versione guerre stellari dipinte anche d’oro e d’argento in attesa di Andy Taylor dei Duran Duran che non si è mai presentato al microfono.. Intanto la dj mixava rock e brit pop come in un tipico club underground londinese!

Capitolo discoteche: il Pacha resta la numero uno, per animazione, clientela e proposte. L’Amnesia, immortalata anche da Salvatores, offre delle splendide modelle-ballerine dell’Est e feste low cost tipo il bisettimanale Espuma party con la schiuma alta due metri in pista. Il lunedì del Privilege è tra i più cari, ma c’è in consolle sua eccellenza Tiesto; lo Space risponde il martedì con Carl Cox. Si balla fino all’alba e poi a casa dato che una nuova legge ha chiuso il resto dei locali alle 3 e gli after ormai sono un ricordo. Un consiglio spassionato: attenzione ai controlli alle rotonde dell’inflessibile polizia municipale. Chi beve molto è meglio che non tocchi il volante…

Per vedere tutte le foto del reportage clicca qui.

Leave a Reply