Archive for maggio, 2008

Summer Tour? No Grazie

spiaggia.jpg

Qualche anno fa erano una novità piacevole. Parlo dei beach tour estivi, eventi in cui le aziende fanno conoscere i loro prodotti regalandoli o facendoli assaggiare ai bagnanti. Mi ricordo benissimo il pomeriggio in cui Enzo Mammato che a Porto Cervo, precisamente a Liscia Ruia (long beach) urlava come un matto al microfono: “le maglie Guru, le maglie Guru…”. Quel tipo di promozione funzionò e il giorno dopo eravamo tutti vestiti da Matteo Cambi, vu cumprà compresi. Oggi questo tipo di approccio dilaga: ogni radio fa un paio di tour in spiaggia pagati profumatamente dai suoi sponsor e un aperitivo business al Billionaire costa 20.000 euro (date un occhio al sito). Ma la caccia al gadget, al free drink al cappellino, alla maglietta, funziona ancora? Forse è necessario usare un po’ più di creatività, come capita in tour pensato bene, Passion Tour by Control & 2night. Si clicca su passiontour.2night.it, si risvegliano i sensi con un giochino d’affinità di coppia che racconta i nuovi condom al cioccolato, menta, pesca e fussion… e se si è fortunati si vince un viaggio in due a Ibiza, un’isola che non è cool, questo no, ma sexy & calda di sicuro. Se ti è piaciuto il post, ne trovi altri di questo tipo su www.ffwdblog.it

Blumarine Rose Bag Party

 

Rose Bag è l’ultima borsa “fiorita” in casa Blumarine. Pochette floreale, roseo origami in seta e via ad una serie potenzialmente infinita di aggettivazioni creative. Ma le parole non bastano per dire che una borsa può essere qualcosa in più che una borsa. Occorre l’evento. Ed ecco che la stilista Anna Molinari ed il suo entourage danno vita ad un quadretto bucolico Old England Style. Martedì 27 maggio. Vivaio Bianchi. Location gioiello a due passi dalle Colonne di San Lorenzo per una sera diviene ancora più suggestiva, se possibile. Florilegio di petali e di stelline di casa nostra, da Manuela Arcuri ad Ivonne Sciò (in dolce attesa), da Elisabetta Canalis a Federica Fontana, passando per Filippa Lagerback e Giorgia Surina. Disseminati qua e là per verdi viali “rubati” ai set della Maria Antonietta di Sofia Coppola – pink macaron, lamponi glassati e petit bignè – per arrivare al fatidico rituale del taglio della torta. Enorme cuore di rosa: le belle special guest disposte attorno a corolla, sfoggiando - ovviamente – mise firmate Blumarine, nuvole romantiche per balli da debuttanti. Anche tematizzare l’ovvio richiede una certa abilità. Obbiettivo raggiunto: Midsummer Night’s Dream ricreato.

Guarda tutte le foto della serata

http://photos.2night.it/community2/2ngallery/index.php/albums/index/12725

22-31 Maggio – Energia creativa in Puglia con la XIII Biennale dei Giovani Artisti

Gli spazi sono tanti nel quartiere fieristico ed i momenti d”incontro ed esposizione si susseguono incalzanti dallo Spazio Cinema, con la proiezioni di 40 film, alla Casa della Parola, con 25 appuntamenti di poesia e letteratura, due palchi teatrali per spettacoli di danza e teatro oltre a due grandi padiglioni dedicati alle opere visual ed Aplied Arts e un Acoustic stage.
Questa è  la Biennale dei Giovani Artisti dell”Europa e del Mediterraneo, una occasione unica al mondo e a disposizione di chiunque voglia farsi travolgere da questa diversità creativa.
Oltre 700 artisti provenenti da 46 Paesi, più di 400 produzioni artistiche nelle varie categorie: pittura, scultura, comics, installazioni, design, concerti, rappresentazioni teatrali, danza, cortometraggi, video, film, sfilate di moda, realizzazioni di piatti originali di giovani cuochi, video installazioni, reading di letteratura e poesia, sound poetry, seminari, workshop, meeting, forum.
Opening event organizzato da MTV Italia con il concerto in anteprima nazionale di Meg, già voce dei 99 Posse, che ha scelto la Biennale per inaugurare il tour Psychodelice.
La più importante “kermesse” della creatività giovanile europea che si è svolta per la prima volta a Barcellona nel 1985 ed ha avuto quattro  edizioni italiane, a Bologna, Roma, Torino e Napoli.
Kairos è il tema della manifestazione, suggerisce che questo è il momento in cui il cambiamento è possibile. I giovani artisti della Biennale vivono ora il loro kairos, perché sono capaci di vedere prima degli altri il cambiamento e di sentire casino un vigoroso impulso verso un”ulteriore evoluzione.
E loro cosa ne pensano? La voce è univoca. “Finalmente! Da tempo noi giovani sentiamo la mancanza di spazi dove sibirci, di strumenti per farci conoscere”, sottolinea il cantante dei Drivers, uno dei tanti gruppi che si alternano sul palco. “Sono contenta di esserci e di averla scoperta. dice Francesca de Rubeis, di Pescara. Non sapevo ci fosse un evento come questo, nonostante esista da 26 anni. Lampi di luce, suoni vivaci, colore ma anche tanto dolore, incertezza, urla di sofferenza che vengono fuori dalle opere di questi giovani che la sofferenza l”hanno vissuta e la vivono quotidianamente, come quelli provenienti dalle regioni mediorientali e balcaniche. I più attivi, i più vivaci nel voler fare e farsi sentire. L”arte ha le sue tradizioni e la sua bellezza e questo può influenzare i sentimenti più profondi, l”arte può essere intensa e provocatoria, aumentare la percettività e colpire i sensi. I giovani creatori possono trascendere i limiti che la tradizione e l”inerzia hanno imposto e possono raffigurare e interpretare, sollevare problemi, proporre un cambiamento, contribuire alla comprensione, esprimere il disagio, aumentare la speranza. “La necessità aguzza l”ingegno, suggerisce Lorenzo Scariggi, giovane fotografo barese che espone le sue istantanee “vissute” proprio in quelle terre martoriate, così vicine alla nostra eppure così lontane dal benessere e dell”occidente. “e la bravura di un artista si vede dalla sua capacità di creare ed inventare con strumenti poveri, con idee e vero istinto creativo”.
Una manifestazione che ha lasciato un segno indelebile in ogni città dov’è stata, stimolando la crescita culturale e l’attenzione alla produzione artistica giovanile, formando una generazione non solo di artisti, ma di addetti ai lavori e di appassionati, spiega Emina Dzaferovi dalla Bosnia.
Un”allegra babele dell”arte: un luogo speciale per accogliere gli artisti, i media, gli operatori ed il pubblico in un percorso artistico che termina il 31 maggio, non resta che “esserci” e cogliere il “kairos”, il momento…

26 maggio 2008: Gala benefico di Swarovski al Lido di Venezia

Serata glamour all’Hotel Excelsior del Lido di Venezia che ha ospitato la cena di gala per “SCS Water Project” promosso da Swarovski in favore di WWF Italia per la salvaguardia e conservazione delle acque dolci italiane. In un’atmosfera degna dei party mondani della Mostra del Cinema, 200 collezionisti di gioielli giunti da tutta Italia e un gruppetto di vip hanno partecipato nella Sala degli Stucchi alla raffinata cena conclusa con lo spettacolare dessert “Dreaming Waterfalls” ispirato al tema dell’acqua. Prima di mezzanotte è iniziato il momento-clou: l’asta di beneficenza battuta eccezionalmente dal direttore della Casa d’Aste San Marco insieme a Serena Autieri, Max Pezzali e Guido Bagatta che hanno firmato alcune preziose sculture animali di cristallo insieme ad altri illustri colleghi dello spettacolo. Apprezzati dal pubblico il pinguino di Claudia Gerini, l’ippopotamo di Linus, il baby gorilla di Albertino, il delfino di Raffaella Carrà, il cigno di Cristina Parodi, il leone di Edoardo Costa.


Read more

24 maggio 2008: apre a Jesolo l'Amami estivo!

 

Partenza col botto per l”Amami estivo a Jesolo che ha inaugurato la sede all”aperto presso l”Orfeo Maglioni dopo essersi imposto a Treviso come uno dei locali più in dell”inverno: già a mezzanotte la coda davanti all”ingresso aveva fatto temere il peggio per chi aveva parcheggiato anche a un chilometro, ma assolutamente voleva esserci! All”interno del giardino si faticava a camminare tanti era pieno, sia nella zona dinner che in quella dance attorno alla consolle animata dal bravo dj Daniele Danieli e la coinvolgente speaker Crystal, che casino abbiamo già visto all”opera al Lele Mora House. Superlavoro al bar centrale per le graziose bariste e tutto lo staff coordinato da Luca Giolo; bollicine a gogo in tutti i tavoli dove si festeggiavano anche compleanni e addii al nubilato. Bellissime ragazze tirate a lucido in abitini che facevano già estate sotto le stelle nonostante il tempo non promettesse nulla di buono, e infatti neanchela pioggia ha fermato la musica e le danze, continuate fino a tarda notte. Il segreto del successo sta sicuramente nella formula: ingresso gratuito, ma selezionato e sono arrivato da tutto il Veneto per non mancare la prima. Si annuncia una grande stagione per tutti gli amanti dell”Amami!

Paolo Braghetto